Quinoa: cos’è, proprietà benefiche e controindicazioni

Questa è una pianta annuale della famiglia Marevy, che cresce in Sud America, sulle pendici delle Ande.

Questa antica pianta può raggiungere l’altezza dell’altezza di un uomo. Su un gambo alto di colore verde chiaro, foglie e frutti arrotondati si raccolgono in grandi grappoli. I grani di quinoa assomigliano al grano saraceno, ma si differenziano per colore. Pertanto, il colore della quinoa è di tre tipi: beige, rosso e nero. La quinoa ha un’origine antica, era il tipo di cibo più importante degli indiani. Per gli Incas, questa pianta era usata nel cibo insieme a patate e mais. Era persino chiamato il “chicco d’oro”, e non solo per l’alto luogo di crescita, ma anche per la sua ricca composizione e i benefici per il corpo.

Caratteristiche benefiche

Le proprietà curative della pianta furono scoperte dagli indiani (d’America), secondo i quali i semi della pianta erano uno dei componenti principali per una dieta sana.

  • Ha un effetto benefico sul cuore e sul sistema vascolare, poiché a causa della presenza di magnesio allevia la tensione nei vasi. Tuttavia, le persone che soffrono di emicrania, se compresa la quinoa nella loro dieta, saranno in grado di eliminare definitivamente il dolore.
  • Per la sua composizione, questo prodotto è necessario soprattutto per la formazione di un corpo sano e forte, che va dalle ossa fino agli organi interni. L’uso regolare aiuterà a rafforzare le ossa e quindi alleviare molte malattie, come l’artrite, che è importante per le persone anziane.
  • Riduce il livello di zucchero
  • Previene lo sviluppo di malattie cardiovascolari
  • Aiuta a proteggere contro l’anemia
  • Gli esperti raccomandano l’uso della quinoa per nutrire le donne in gravidanza o in allattamento. Quando si allatta al seno si consiglia di introdurre il prodotto nella dieta con cautela, osservando la reazione del bambino.
  • Ma soprattutto, la quinoa è un potente tonico generale che è così necessario per le persone che se la sono cavate nelle operazioni complesse, così come per coloro che spendono un sacco di forza ed energia ogni giorno.

Controindicazioni

Poiché questo prodotto contiene molte proteine e ossalato, vale la pena consultare un medico per coloro che hanno problemi ai reni (diatesi dell’acido ossalico). Non assumere se si soffre di gotta. Nella dieta dei bambini e delle donne che allattano, questo alimento dovrebbe essere introdotto con attenzione e gradualmente, poiché i bambini minori di un anno possono essere sensibili al prodotto.

Quinoa è amata dai vegetariani e non solo che vogliono godere di tutti i suoni benefici ai muscoli e cuore

Da dove proviene?

Quando avvenne la carenza del raccolto delle patate, riso e pane, fu la quinoa il sostituto per gli Incas. Più tardi questa coltura cominciò a crescere su altre catene montuose. Iniziarono a coltivarla in Tibet e Himalaya. La quinoa sopravvive bene anche sulle coste del mare e sulle terre precedentemente giungla. Oggi la quinoa è coltivata in Bolivia, Uruguay e Perù. Quasi il 90% del raccolto viene distribuito negli Stati Uniti il resto viene trasferito negli altri paesi.

L’unicità di questa cultura è stata apprezzata anche in Asia, Europa, Nord America e Canada. È considerato uno dei pochi prodotti vegetali che sono naturalmente puri perchè gli esperimenti genetici con colture di grano sono proibiti nemmeno per proteggere dai parassiti o aumentare i raccolti.

Cereale o cosa?

Ma in realtà, la quinoa non può essere chiamata cereale, come il grano saraceno. I parenti più stretti di questa pianta sono verdure come spinaci e barbabietole. Dai semi del raccolto ottengono farina e semole, e i tralci e le foglie giovani vengono talvolta usati come verdure.

In cucina

Oggi la quinoa è spesso presente nella dieta dei vegetariani. Viene bollita e usato come contorno o aggiunto al primo piatto. Per cucinare la quinoa, devi ricordare tre regole:

  • Lavarla (altrimenti il piatto finito avrà un sapore amaro);
  • Non scuocerla
  • Mesccolare il tutto (per evitare che si attacchi).

La quinoa cotta sa di riso sfogliato. E questa coltura è preparata allo stesso modo del riso: prendere 2 mettere in acqua o qualsiasi brodo per una porzione di cereali e cuocere fino a che l’acqua non sia completamente assorbita per circa 15-20 minuti, cioè 2-3 volte più veloce del tempo di preparazione del riso. In una quinoa preparata correttamente, l’embrione appare come una spirale con un po’ al dente.  Inoltre, come il riso, la quinoa è eccellente da abbinare con molti prodotti: carne, verdure, pesce, noci, salse, miele, frutta. Pertanto, questa cultura può sostituire il riso nei tuoi piatti preferiti e ottenere un piatto insolito, ma non per questo meno gustoso.  Attiva enzimi che facilitano la digestione e aumentano il contenuto di vitamine. A differenza di altri cereali, ci vogliono solo 2-4 ore per far germinare la quinoa. Il prodotto germinato crudo viene aggiunto alle insalate e utilizzato come contorno per una varietà di piatti freddi.

Esiste la farina di quinoa

La farina ottenuta dai chicchi viene utilizzata per la cottura del pane, con un’ampia varietà di pasta.  Ma ricorda che i grani possono essere usati dopo aver assorbito le saponine contenute in essi. Dai semi di quinoa si ottiene un prodotto nutriente che si avvicina all’olio di noci e, al succo del frutto della passione. Nella cucina Inca e Azteca ci sono centinaia di ricette con cereali interi e lavorati. Quasi tutti i piatti che sono stati creati sulla base di questo prodotto sono a base di erbe. Anche ora, cuochi di diversi paesi preparano piatti unici per gusto e valore con questo meraviglioso ingrediente.

Componenti

Il principale vantaggio della quinoa è che è un’ottima fonte di proteine ​​vegetali intere (ce ne sono molte di più in essa rispetto al grano saraceno), ed è perfettamente digeribile. I cereali grezzi contengono in media il 16,2% di proteine ​​e in un numero di varietà superiore al 20% (per confronto, 11-14% in grano, 10 in miglio, 7,5 in riso, 3,5 in mais) . È questo contenuto di proteine ​​che ha reso la quinoa un prodotto indispensabile per le donne incinte, i bambini, gli atleti e le persone impegnate nel lavoro fisico o mentale. Questo prodotto, è ideale per una fonte di proteine, contiene tutti gli aminoacidi preziosi: arginina, valina, isoleucina, istidina, lisina, leucina, metionina, cisteina e metionina, triptofano, treonina, fenilalanina, tirosina + fenilalanina.

Le componenti sono utili alle ossa

A causa del fatto che la quinoa contiene lisina, il corpo assorbe meglio il calcio e la guarigione dei tessuti danneggiati è più rapida ed efficiente. Inoltre, la lisina aiuta a migliorare la crescita e ha un buon effetto sulla formazione dell’osso. Inoltre nella quinoa ci sono quasi tutti gli amminoacidi non essenziali: alanina, acido aspartico, glicina, acido glutammico, serina, prolina, cisteina, tirosina. Oltre alle proteine ​​uniche, la quinoa contiene anche grassi (ricchi di acido lecitico), carboidrati, minerali, fibre e vitamina B. La quinoa contiene più folati (4 mg), riboflavina (0,1 mg) e fibre (2,8 g) che nell’orzo, nel grano e nel riso. In quanto ha 2,8 grammi di proteine per 100 grammi di prodotto finito è necessaria per tutti coloro che soffrono di malattie cardiache, diabete, sovrappeso.

Le componenti son contro le sostanze tossiche
e il colesterolo cattivo

La fibra aiuta ad eliminare le tossine e altre sostanze nocive, il colesterolo. Inoltre, il prodotto è ricco di acido fitico, che può ridurre i livelli di colesterolo e prevenire lo sviluppo di malattie oncologiche. Un sacco di quinoa e vari minerali: magnesio (64 mg per 100 grammi del prodotto finito), potassio (172 mg), ferro (1,4 mg), calcio (17 mg), zinco (1,09 mg). La quinoa è anche ricca di fosforo (152 mg), tre volte più che nel riso paragonabile alla quantità in alcuni tipi di pesce.

 

Riguardo:
QUINOA – BENESSERE – ALIMENTAZIONE – NATURALE – VEGETARIANO – CIBO – SANO – MANGIARE – BENEFICI – PROPRIETA – CARATTERISTICHE 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *